• Via Isonzo 32 00198, Roma (zona Parioli)
  • Contattaci: 06 88 48 751
  • Lunedì - Sabato: 8:30 - 20:30
  • Domenica: Chiuso

Rinoplastica / Rinoscultura

La rinoplastica è le operazioni più complesse in chirurgia plastica per molte ragioni, tra cui la natura tecnica dell’atto, ma anche la difficoltà di controllare completamente l’evoluzione del naso nel tempo.

Inoltre, il minimo difetto può essere visto e non si può nascondere. La rinoscultura primaria è il primo intervento di rinoplastica; ha generalmente l’obiettivo di migliorare l’aspetto del naso.
I chirurghi hanno propri metodi e filosofia con la quale svolgono la loro rinoplastica.

Alcuni preferiscono effettuare una rinoplastica chiusa, facendo le incisioni all’interno delle narici; altri preferiscono effettuare una incisione alla columella ed avere una visualizzazione diretta delle strutture del naso, sollevando la pelle. La migliore garanzia per avere una rinoplastica primaria di successo è quello di consultare specialista in chirurghi di rinoplastica.

RINOSCULTURA SECONDARIA E TERZIARIA

Psicologicamente, i pazienti non sono più nelle stesse condizioni come per una prima operazione, e la mancanza di fiducia, o un’aspettativa esagerata possono rendere difficile una nuova operazione. La prima cosa è quindi scegliere con accortezza il chirurgo adatto a questa particolare esigenza. Una rinoscultura secondaria è un intervento correttivo che serve a modificare la forma e/o la funzione del naso dopo una rinoplastica precedente. E’ indicata per deformità estetici o funzionali non adeguatamente trattati o peggiorati dalla operazione primaria. Alcuni si riferiscono anche alla rinoplastica secondaria come “revisione rinoplasty”.

Questa terminologia più ampia è possibile applicarla a rinoplastica terziaria, quaternaria ecc. I pazienti richiedono una rinoplastica secondaria per affrontare gli squilibri specifici che persistono. Spesso il naso è privo di equilibrio o in disaccordo con il resto delle caratteristiche facciali a causa di una complicazione o manovre chirurgiche incompleti. Una rinoplastica secondaria è spesso molto più complicata di una primaria. I cambiamenti necessari in rinoplastica secondaria possono essere realizzati attraverso un approccio “chiuso” o “aperto”. In genere, se devono esser effettuati cambiamenti strutturali necessari è preferibile la rinoscultura open. Correzioni minori possono essere eseguite tramite una tecnica “chiusa”. Gli innesti di cartilagine sono spesso necessari per realizzare gli obiettivi estetici e funzionali in una rinoplastica secondaria. La mancanza di cartilagine del setto è l’indicazione più comune che necessitano di prelevarne nelle orecchie o nelle costole. Questi segmenti di cartilagine vengono modellati per l’uso nel naso.

La rinoscultura secondaria va ad esercitare le seguenti azioni per correggere i difetti:

resezioni di osso troppo grande
eliminazione della cartilagine in eccesso
asimmetrie del naso che possono verificarsi su differenti livelli. Esse possono essere collegate ad un setto deviato non corretto, asimmetrie di pre-esistenti non prese in considerazione ecc.


 

 

  • RECUPERO DALL’INTERVENTO 7 giorni
  • DURATA da 2 a 3 ore e 30 minuti circa
  • PREZZO da €5500